Procedure Radio – Guida Semplificata ITA by SIG

TAXI, LINE UP, DECOLLO Avvicinamento e Atterraggio
Procedure NON OBBLIGATORIE ma disponibili

In questa guida cercheremo di elencare le frasi da utilizzare per la taxi, il decollo e l’atterraggio. L’idea è quella di avere un buon compromesso tra simulazione e “adattamento” per le nostre missioni, senza scendere in dettagli che potrebbe complicare la situazione invece che semplificarla, l’uso dell’italiano è voluto per permettere di poter utilizzare, ricordare e comprendere tutti le frasi che elencheremo. Verranno omessi i passaggi di comunicazione tra volo e simulatore DCS per ottenere indicazioni sulla pista in uso/vento/QFE

Le comunicazioni radio, se ben organizzate possono dare un’idea chiara e coincisa della nostra situazione ad altri velivoli presenti a terra o in volo nello spazio aereo aeroportuale. Ci sono due situazioni da inquadrare: – la prima è la presenza di un ATC (Air Traffic Control) o più semplicemente la classica torre di controllo. – La seconda è l’assenza dell’ATC.

Nel primo caso vi è uno scambio radio di autorizzazioni, informazioni e “direttive” date da chi sta in torre.
Nel secondo caso vi è una situazione di “autogestione” dove voi date e ascoltate informazioni utili a chi sta operando nei pressi dell’aerodromo in modo tale da evitare situazioni di pericolo, che possono essere il classico traffico in pista mentre qualcuno sta atterrando, per citarne una delle più frequenti.

Cosa banale ma non scontata è la divisione delle radio, queste procedure che elencheremo vanno comunicate sulla frequenza della torre di controllo (se presente) oppure su una frequenza comune, sono due cose totalmente diverse dalla frequenza “intraflight”, che è quella che utilizzerete per parlare con i piloti della squadra.
La frequenza ATC / Frequenza comune, va mantenuta il più pulita possibile, in modo da non creare situazioni di confusione o prolungamenti dei tempi.
Per comodità indicheremo la frequenza intraflight con IT, e la frequenza comune con COMM

Dato che la presenza su DCS di un ATC è molto rara, tratteremo prima la situazione senza una torre di controllo che può guidarci.

Legenda:

  • IT – Intraflight: indica a chi è rivolta la comunicazione, quindi il messaggio viene trasmesso nella frequenza radio ( o canale ts) del proprio volo.
  • COMM – Commander:  indica a chi è rivolta la comunicazione, quindi il messaggio viene trasmesso nella frequenza radio ( o canale ts) comune( all’occorrenza ATC).
TAXI

La prima parte della nostra missione è quella dove siamo nella piazzola con il nostro aereo spento, appena entrati in cockpit, le fasi preliminari comprendono l’alimentazione elettrica e quindi del sistema radio di bordo in modo da iniziare a comunicare.

Attenzione: In assenza di un ATC, se sono impegnati più aeroporti alleati, indicare sempre ad inizio comunicazione l’aeroporto dove state operando, per comodità utilizzerò sempre Kobuleti nelle trasmissioni che indicherò di seguito.

TAXI Start-up

Una volta accesa la radio e impostato la frequenza comune, il leader del volo procede con il dare il comando sulla freq. IT di accensione motori ed effettua la prima comunicazione sulla freq. COMM dove informa che sta avviando i motori e del numero di velivoli/modello che comprende il suo gruppo volo.  Esempio:

  • Leader IT: “Volo SIERRA Start-up”
  • Gregario 2 IT : “Due Copy”
  • Gregario 3 IT : “Tre Copy”
  • Leader COMM : “Kobuleti ,Volo SIERRA con tre A10C, Start-up”.

In questo caso si dà un’informazione a chi sta operando nell’area aeroportuale che un volo potrebbe impegnare la taxi / pista a breve dando così, la possibilità di organizzarsi nei tempi

TAXI TAXI-OUT

Una volta comunicato lo start-up, il leader interroga in IT i piloti se abili alla taxi, ogni pilota risponderà all’interrogazione con un “Ready/pronto/Green”, oppure in casi di impossibilità di iniziare la TAXI risponderà con “Negativo/non pronto/Red” seguito dalla motivazione. Esempio:

  • Leader IT : “Volo SIERRA pronti per TAXI-OUT”
  • Gregario 2 IT: “Due Green” (pronto per la taxi)
  • Gregario 3 IT: “Tre Red, Rearming in atto” (non potendo muoversi non è pronto per la taxi)

Una volta che tutti saranno pronti ad eseguire la TAXI, e il leader avrà già provveduto per informarsi su quale pista è in uso procederà comunicando su freq. COMM il TAXI-OUT e il punto di attesa della pista in uso. Di conseguenza ogni pilota del volo, quando inizierà a muoversi comunicherà a sua volta “OUT”. Esempio:

  • Leader COMM: “ Kobuleti, Volo Sierra TAXI punto attesa pista UNO-DUE”
  • Gregario 2 IT : “Due OUT”
  • Gregario 3 IT : “Tre OUT” Indicando “punto attesa Pista UNO-DUE” state informando gli altri traffici che vi recherete presso l’ingresso della pista 12 senza impegnarla.
TAXI LINE-UP

La procedura di TAXI termina una volta raggiunto il punto di attesa della pista 12, non essendoci un ATC, il leader rimane in ascolto per sulla freq. COMM di eventuali traffici in arrivo o in finale presso il nostro aeroporto di partenza, se in circuito in sottovento o in finale e il nostro decollo non è uno scramble, li si lascia atterrare senza dover impegnare tempo nel coordinarsi, caso contrario se dichiarano un “avvicinamento”, che potrebbe voler dire che sono a distanza di alcuni minuti dalla pista e quindi abbiamo tutto il tempo per prepararci e decollare.

Prima di entrare in pista per l’allineamento (LINE-UP) e verificato visivamente che non ci sia nessun traffico in atterraggio, il leader in IT comunica l’intenzione di entrare in pista per allinearsi dando un “CHECK” delle cose essenziali, ogni gregario risponderà con “Pronto/Ready/Green”, come per il TAXI-OUT il gregario comunicherà “Negativo/non pronto/Red” seguito dalla motivazione.

Eventuali disposizioni nell’ordine o nella forma del LINE-UP vanno comunicate in IT prima di impegnare la pista. Esempio:

  • Leader IT: “Volo SIERRA CHECK: Flaps, Strumenti, Luci, pronti al LINE-UP ”
  • Gregario 2 IT: “Due Green” (dopo aver controllato gli strumenti che comprendono il settaggio altimetrico, il controllo carburante e l’assenza di warning, il gregario 1 è pronto al line up)
  • Gregario 3 IT: “Tre Red, Bingo Fuel” (Se il volo sta ripartendo dopo essersi riforniti può capitare di dimenticarsi la slide del carburante).

Una volta ricevuto l’ok dai gregari il leader comunica in COMM l’intenzione di allinearsi alla pista. Esempio:

  • Leader COMM: “Kobuleti, Volo SIERRA LINE-UP pista UNO-DUE”
  • Gregario 2 IT : “Due Copy”
  • Gregario 3 IT : “Tre Copy”

Una volta allineati in pista, ogni gregario comunicherà lo stato di “IN” in freq. IT:

  • Gregario 2 IT : “Due IN”
  • Gregario 3 IT : “Tre IN”
TAXI TAKE-OFF

Finite le procedure di allineamento, il leader comunicherà le modalità di decollo.

Tali modalità comprendono lo spazio di tempo tra un velivolo e l’altro, eventuali direzioni da prendere una volta in volo e le informazioni sul re-join.

Per iniziare il decollo esiste una frase “standard” che comunica in IT ogni componente del volo, una volta verificato che tutti sono pronti al decollo il leader comunicherà la frase “BRAKES, BRAKES, BRAKES” rilasciando i freni sul terzo Brakes, stessa cosa ripeteranno i gregari dopo aver atteso (se viene adottato) l’intervallo di decollo tra un velivolo e l’altro.

Una frase alternativa può essere “RELEASE BRAKES, READY, NOW”, o per semplicità

“FRENI, PRONTO, ORA”

Esempio:

  • Leader IT: “Volo SIERRA pronti al TAKE-OFF”
  • Gregario 2 IT : “Due READY”
  • Gregario 3 IT : “Tre READY”

  • Leader IT: “Uno FRENI, PRONTO, ORA”
  • Gregario 2 IT : “Due FRENI, PRONTO, ORA”
  • Gregario 3 IT : “Tre FRENI, PRONTO, ORA”

Ogni pilota decollato comunicherà in freq. IT “Airborne” oppure “in volo”

Esempio:

  • Leader IT: “Uno IN VOLO”
  • Gregario 2 IT : “Due IN VOLO”
  • Gregario 3 IT : “Tre IN VOLO”

Una volta decollato l’ultimo velivolo del gruppo, il leader comunicherà in COMM che il suo volo è decollato.

Esempio:

  • Leader COMM: “Kobuleti, Volo SIERRA In volo”

Tralasciando la parte operativa di combattimento e re-join, che andremo a trattare in un altro tutorial, andremo ad analizzare l’avvicinamento e le comunicazioni di atterraggio.

Avvicinamento

Al rientro dalla missione, il primo approccio che avremo con l’aeroporto di atterraggio è l’avvicinamento.

Il leader dovrà indicare, ad una distanza di 5/10 min, l’avvicinamento alla base, indicando la direzione rispetto l’aeroporto, quota e tempo stimato per il raggiungimento comunicandolo in COMM.

Esempio:

  • Leader COMM: “Volo Sierra in avvicinamento Kobuleti da EST, 2500, stimato 10 min”
Atterraggio

Completato l’avvicinamento, si procede, se necessario all’ingresso del circuito. Il leader dovrà restare in ascolto sulla frequenza comune per eventuali traffici che stanno operando nell’aeroporto di destinazione. Il leader dovrà comunicare le l’eventuale ingresso nel circuito di traffico e le successive fasi, oppure se entrerà direttamente in finale, coordinandosi con i traffici operanti in quel momento.

Esempio:

Leader COMM: “Kobuleti, Volo SIERRA in ingresso sottovento sinistro pista UNO-DUE” Il leader potrebbe decidere di dare un intervallo in atterraggio per ogni pilota, in modo da garantire una distanza di sicurezza tale per cui permette un go-around del pilota che lo precede in tutta sicurezza, l’intervallo si effettua estendendo il sottovento per un tempo definito dal leader.

Esempio:

  • Leader IT: “Volo Sierra Intervallo per il finale 5 secondi”
  • Gregario 2 IT : “Due Copy”
  • Gregario 3 IT : “Tre Copy”

Quando il leader ritiene opportuno virare in base, comunicherà in IT

Leader IT: “Uno In base” Passati 5 secondi Gregario due comunicherà la virata in base così come il Gregario 3.

A questo punto inizieremo ad interessare l’ultima parte prima del touch-down, il finale. Il leader appena prima di interessare il finale lo comunicherà in COMM. Esempio: Leader COMM: “Kobuleti, Volo SIERRA In Finale Pista UNO-DUE”

Questo permette di avvisare chi è a terra o in volo in attesa di inserirsi in circuito, che siete in procinto di atterrare.

In freq IT, ogni pilota del volo avviserà il leader che sta impegnando il FINALE.

Esempio:

  • Gregario 2 IT : “Due In FINALE”
  • Gregario 3 IT : “Tre In FINALE”

Una volta toccata la pista, ogni pilota comunica in IT il “Touch-down” Esempio: Leader IT: “UNO Touch-Down”

Una volta atterrati il leader comunicherà quale taxi impegnare per liberare la pista . Quando l’ultimo velivolo libererà la pista il leader comunicherà in COMM il disimpegno della pista. Esempio:

  • Leader COMM: “Kobuleti, Volo SIERRA Pista UNO-DUE Libera”.
Related Posts
Tutorial e altro
Archivio Comunicazioni
Calendario
<< Dic 2018 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6