Atto2 – Debriefing

Il modo migliore per descrivere questa serata è partendo da alcuni frasi dette durante la missione:

“Statemi lontano che sono sempre il primo che muore” – Fabio

Durante il lungo avvicinamento sotto copertura alla fabbrica e successivamente al compound, Fabio ha menzionato come lui sia l’erede di Anam nonché sempre il primo a morire. Poco dopo, come premonizione dei fatti a venire, il nostro veicolo è l’unico a venire ingaggiato dalle forze di polizia nei posti di blocco,
Non un grande inizio, questo fatto ci costringe a viaggiare per prati e boschi, contribuendo non poco al disboscamento globale.
Arrivati al compound da assaltare dobbiamo fare l’avvicinamento finale sotto fuoco nemico, ed io da medico arrivo per ultimo dopo aver dato un’ultima occhiata alle nostre spalle. Ma prima di arrivare alle pareti del compound trovo sui miei passi il corpo di un operatore alleato già morto. Il povero Fabio.

“Purtroppo sparo troppo bene” – Andrea

I nemici nel compound vengono eliminati abbastanza rapidamente, con metà squadra in ingresso da sud e l’altra metà da nord. Le perdite della nostra metà sono solo il profetico Fabio e Thunder al nostro comando. Però mentre stiam liberando il capanno contenente i nostri obiettivi, perdiamo altri due operatori che scopriremo poi essere stato fuoco amico per via dell’oscurità e della mancanza di laser. Mentre stiamo esfiltrando dal compound, viene descritta la situazione del blu su blu, dove Andrea ha mandato Sniper a letto con un singolo colpo ben piazzato. Cose che capitano 😛

“No, cazzo” – Lux

Completati i nostri obiettivi, la comando ci reindirizza in supporto di Alpha e Bravo impegnate nella conquista della fabbrica, che grazie ad una schiacciante superiorità numerica viene conquistata rapidamente, seppur non senza perdite. Completati gli obiettivi all’interno della fabbrica, non manca solo che esfiltrare sulla collina del comando sulle retrovie, con una bella scalata di 500 metri che approcciamo rilassati. Se non fosse che durante la salita veniamo ingaggiati da fanteria nemica sopravvissuta all’assalto, contro i quali rispondiamo prontamente al fuoco. Sdraiati fianco a fianco, sento un ultimo commento da Lux, prima di girarmi verso di lui e trovare il suo corpo senza vita a 20 metri dalla salvezza della cima, trovandosi ad essere con una certa sfiga l’ultimo della lista di vittime della missione iniziata con Fabio.

BL – Rigel

Diretta BL – Virgil LINK

Report originale sul sito Brigata Lancieri LINK

Diretta BL – Thunder LINK